SEZIONI NOTIZIE

Gli eroi in bianconero: Alberto BERTUCCELLI

di Stefano Bedeschi
Vedi letture
Foto

07:27 13/01/2021Nasce a Viareggio (Lucca) il 14 gennaio 1924. Cresciuto nella Lucchese, nell’estate del 1949 sembra debba finire al Torino, che sta faticosamente ricostruendo la squadra scomparsa a Superga: un infortunio determina però un raffreddamento nelle trattative fra rossoneri e granata, e il forte difensore approda così alla squadra bianconera.
Bertuccelli è un terzino molto grintoso; la sua velocità e il suo scatto, uniti a un tocco di palla raffinato e a un impeccabile anticipo, lo fanno diventare un ottimo terzino “sistemista”, abile non solo nell’interdizione ma anche nella costruzione del gioco. Alberto è uno dei primi terzini fluidificanti del nostro calcio e le due reti segnate nella massima divisione, (una nel derby contro il Torino), in un’epoca dove i terzini difficilmente superavano la metà campo, ne sono la riprova.
Bertuccelli è stato ambasciatore dello sport Italiano all’estero, sia con la maglia della Nazionale Italiana che con i colori bianconeri della Juventus. Nel 1954, dopo cinque anni alla Juventus, nei quali totalizza 144 presenze, due goal, passa alla Roma dove, dopo un anno di continui infortuni, conclude la sua carriera calcistica.
«È morto, a Ferragosto, Alberto Bertuccelli, settantotto anni – scrive “La Stampa” del 17 agosto 2002 – ex difensore della Juventus e della Nazionale alla fine degli anni Quaranta. Da tempo soffriva di gravi disturbi cardiocircolatori. Viveva in situazioni economiche precarie con la moglie Valeria in un piccolo appartamento (proprietà di parenti) all’interno dello stabilimento balneare Dori, sulla passeggiata a mare. La comunità viareggina si era mobilitata affinché la Federcalcio assegnasse a Bertuccelli un vitalizio per meriti sportivi che, però, non gli fu mai riconosciuto».

GIANNI GIACONE, “HURRÀ JUVENTUS” DEL GENNAIO 1993
Alberto Bertuccelli eredita, a distanza di qualche stagione, la maglia numero due di Foni e se ne rende in tutto e per tutto degno. Il toscano approda alla Juve nell’estate del 1949, a venticinque anni, ed è uno dei protagonisti della scalata bianconera al primo scudetto dopo il mitico quinquennio. È la Juve di Parola e Boniperti, Martino e Muccinelli, John Hansen e Præst. Una Juve di campioni, in cui l’alacre impegno del terzino destro viareggino diventa il collante decisivo.
Bertuccelli è un marcatore implacabile, talvolta rude e altre volte delicato, a seconda della tempra dell’avversario di turno. Non si risparmia mai, e forma con Manente un’altra coppia invidiata e temuta da tutti. La sua ampia falcata e il suo senso dell’anticipo, lo impongono a un lotto pure qualificato di colleghi quando si tratta di conquistare, dopo la maglia bianconera, anche quella azzurra della Nazionale, in cui gioca una mezza dozzina di partite tutte di buon livello.
Problemi muscolari ne limitano a volte la continuità ma non l’ardore, lo slancio bellicoso. Il gran naso e i pochi capelli lo rendono facilmente individuabile dagli spalti: un gregario fondamentale in una Juve di campioni, capace di giocare 144 partite dal 1949 al 1954 e di firmare due scudetti tra i più belli della storia juventina, quelli del 1950 e del 1952. In quegli anni, infortuni a parte, nessuno in Italia lo vale, nel ruolo.
E poi, volete mettere la soddisfazione di far parte di quella che, secondo molti critici, è stata la Juve più bella e più forte di sempre: Viola, Bertuccelli, Manente, Mari, Parola, Piccinini, Muccinelli, Martino, Boniperti, John Hansen e Præst. Ai tifosi juventini con i capelli bianchi verranno sicuramente i brividi.

VISITA IL BLOG DI STEFANO BEDESCHI
Acquista il libro su Helmut Haller scritto da Stefano Bedeschi
Acquista il libro "Il pallone racconta" scritto da Stefano Bedeschi
Altre notizie
Venerdì 22 gennaio 2021
00:45 Calciomercato Occasione Tolisso, ci pensa anche la Juve 00:30 Altre notizie Per il Bologna Pirlo potrebbe far riposare qualcuno 00:15 Calciomercato Zidane, polveriera a Madrid? 00:10 Il punto L'IMBOSCATA - La Juve ribalta il pronostico. La conferma: è rivoluzione rispetto al passato. Pirlo ha ottenuto quanto aveva chiesto. Un grande uomo, un gentleman e l'Insigne che manca ai bianconeri. Sul mercato una pista da seguire... 00:05 Primo piano IL PRIMO TROFEO DELL'ERA PIRLO SERVE A DARE CONVINZIONE, MA SERVONO CERTEZZE ...
00:00 Calciomercato Douglas Costa, offerta dalla Premier?
Giovedì 21 gennaio 2021
23:45 Altre notizie Federsupporter: "La competenza del Collegio di Garanzia dello Sport del CONI e la sentenza Juventus-Napoli..." 23:30 Calciomercato Ufficiale: Milik al Marsiglia 23:15 Altre notizie Pistocchi: "Mi aspettavo una Juventus così, il Napoli non mi ha convinto" 23:00 Settore giovanile Primavera, tutta la programmazione di Sportitalia per la 7^ Giornata 22:45 Calciomercato Monza, obiettivo l'ex Juve e Verona Romulo 22:30 Juventus femminile Serie A femminile, ecco la top 11: scelte tre bianconere 22:15 Altre notizie UFFICIALE - L'ex Juve Estigarribia firma con l'Olimpia Asuncion 22:00 Altre notizie Cesarano sulla Supercoppa: "É normale che con Cuadrado in campo cambi atteggiamento. Mi ha fatto pena vedere Insigne rincorrere Cuadrado" 21:50 Calciomercato Juve, Aouar ha già due preferenze sul mercato 21:40 Altre notizie Galli: "Juve squadra sempre forte, ma quest'anno manca la continuità. Il Napoli con più coraggio poteva vincerla" 21:30 Altre notizie Cagliari, vicino l'acquisto dell'ex difensore della Juventus 21:20 Altre notizie Di Gennaro a TMW Radio: "In questa Juventus oggi Cuadrado è insostituibile: bravo in difesa, resistenza incredibile e qualità nel dribbling" 21:10 Altre notizie Rastelli a TMW Radio: "Supercoppa decisa dagli episodi" 21:00 Altre notizie La Juventus manda un messaggio ai suoi tifosi: "Non possiamo festeggiare insieme a voi di persona, ma possiamo mandarvi un super abbraccio"