ESCLUSIVA TJ - Daniela Sabatino (Brescia Femminile): "Con la Juve 50 e 50, possiamo batterla solo giocando al massimo. Le mie ex compagne? Ora fanno parte del top del calcio"

di Mirko Di Natale
articolo letto 7326 volte
Foto

Se nel calcio maschile la Juventus è riuscita a conquistare lo scudetto con due giornate d'anticipo, in quello femminile occorrerà lo spareggio per assegnarlo. Le bianconere e le loro rivali del Brescia, che hanno concluso il torneo in prima posizione a quota 60, si sfideranno nel match decisivo sul campo neutro del "Piola" di Novara. La nostra redazione ha deciso di giocar d'anticipo e ha contattato telefonicamente, in esclusiva, l'attaccante delle lombarde Daniela Sabatino:

Quali sono le tue sensazioni riguardo questa sfida?

"Spero sarà una partita bella ed emozionante, una vetrina importante per il calcio femminile. Sappiamo tutti che la Juventus è uno squadrone ma noi dovremo giocare al massimo delle nostre possibilità se vogliamo vincere il tricolore".

In questa stagione avete battuto la Juventus due delle tre volte in cui l'avete incontrata. E gli scommettitori, in virtù di ciò, vi indicano come favorite anche per la vostra maggiore esperienza.

"Non sono d'accordo, perchè sia noi che la Juventus abbiamo dato il massimo per arrivare a giocarci questo spareggio. Le abbiamo battute al ritorno e in Coppa Italia, ma qui sarà tutta un'altra partita. Non c'è una favorita, per me è 50 e 50".

Prima parlavi di vetrina, ma giocherete alle 15 di sabato esattamente come la Juventus contro il Verona e questo porterà via parecchio pubblico. Può essere un grande problema?

"Non sappiamo ancora se giocheremo alle 15 oppure alle 20:30, ma sicuramente dispiace perchè sono le persone il motore capace di fornirti grandi stimoli. Più ci seguono e meglio è. Purtroppo nel calcio femminile ci sono sempre dei problemi (sorride ndr), ma capisco bene chi sceglierà di guardare il match degli uomini".

Inseguite questo sogno scudetto dall'anno scorso quando siete arrivate dietro la Fiorentina. Quest'anno nel match decisivo avete di fronte la Juventus che è rappresentata da tantissime tue ex compagne di squadra come Rosucci, Bonansea, Gama e tutte le altre. E' un po' la chiusura di un cerchio?

"Sì, purtroppo sono andate via tante ragazze che, per me, oltre ad essere delle compagne di squadra sono delle vere amiche. Mi è dispiaciuto tantissimo ma è stato giusto così, perchè ora fanno parte del top del calcio femminile. Ad inizio stagione non credevo di poter arrivare a giocare lo spareggio poichè siamo un gruppo nuovo con tante calciatrici che mai avevano giocato in Italia. E invece ora siamo qui, a giocarci il titolo. E' stato un qualcosa in più".

Quando avete iniziato a crederci seriamente? Siete state a lungo dietro la Juve prima di vincer lo scontro diretto.

"Il tutto parte dalla partita d'andata, che è stata vinta meritatamente dalla Juventus. Questa sconfitta è servita a darci la scossa necessaria per crederci ancora di più, infatti ci siamo rese conto che le possibilità di arrivare in fondo giocando da squadra aumentavano sempre di più. Io, personalmente, ci ho creduto sempre di più (sorride ndr)".

Che cosa ti ha colpito di questa Juventus?

"Mi ha colpito la serietà di questa società, che vuole sempre vincere qualsiasi sia la categoria che affronta. Dal maschile al femminile. Alcune delle mie ex compagne mi hanno raccontato che li c'è un'altra realtà, ho avuto modo di osservarla anche io quando le abbiamo sfidate. Incontrare la Juventus è motivo d'orgoglio, perchè ti fornisce gli stimoli giusti per affrontarla. Sono contenta che sta investendo giusto su questo sport, solo così questo settore può crescere ancor di più".

Esattamente come la Juventus di Dybala ed Higuain, anche voi avete la possibilità di poter fare il double. In caso di vittoria sappiamo tutti che sarà un trionfo, ma in caso di una vostra sconfitta che cosa succederà?

"Prima di tutto, dobbiamo pensare partita dopo partita e contro la Juventus ci giochiamo un pezzo di stagione e siamo totalmente concentrate su questo impegnate. Se per caso dovessimo perdere sarà certamente dura da digerire, ma abbiamo la fortuna di poterci riscattare subito in Coppa Italia. Eventualmente non so quale potrà essere la nostra avversaria in finale, ma sarà molto difficile perchè nelle sfide secche può sempre succedere di tutto".

Hai letto dell'interesse del Milan verso il titolo del Brescia? Che cosa ne pensi a riguardo?

"Sto leggendo anche io queste notizie, ma noi ragazze non sappiamo assolutamente nulla. Ora iniziano ad essere parecchio insistenti queste voci, il presidente ci ha assicurato che non c'è nulla di vero. Io sono tifosissima del Milan (ride ndr) e la mia speranza è che il calcio femminile possa crescere il più in fretta possibile perchè siamo indietro rispetto a tantissime nazioni. Per intenderci meglio: più grandi società maschili entrano a far parte di questo mondo, più per noi sarà una grandissima agevolazione. Non so se sarà il Brescia, ma spero che oltre ai rossoneri ci possano essere altre società interessate a far crescere il nostro movimento".


Altre notizie
Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy