SEZIONI NOTIZIE

Rosucci a JTV: "Quando mi ha chiamato la Juve non ho capito più niente. Sul Mondiale e la stagione attuale..."

di Alessandra Stefanelli
Vedi letture
Foto

La centrocampista della Juventus Women Martina Rosucci ha parlato ai microfoni di JTV: “La mia famiglia? Mia mamma, mio papà che è importantissimo, le mie sorelline piccole e il mio fratello gemello che è la persona più importante della mia vita - ha esordito -. Abbiamo iniziato insieme la nostra vita nella pancia della mamma, siamo legati da un qualcosa di veramente forte. Lui è tante cose per me, è una persona speciale. Devo la mia vita calcistica a lui, perché ho iniziato a giocare a calcio grazie a lui. Facevamo entrambi danza classica, io ero negata mentre lui era bravissimo. Lui è andato a giocare a calcio, io andavo a vedere i suoi allenamenti e gli tiravo sempre il pallone con i piedi. Mi hanno detto di provare a giocare, abbiamo iniziato a giocare insieme ma per poco perché poi lui è andato a giocare nel Torino. È un centrocampista come me, molto estroverso, ci chiediamo consigli a vicenda”.

Sugli inizi della sua carriera: “Quando non ho potuto più giocare con i maschi, non volevo inizialmente giocare con le ragazze per cui mi sono fermata per un anno provando tutti gli sport (pallavolo, recitazione, di tutto). Non mi dimenticherò mai un giorno, finita la scuola: ero in cucina ed ero infelice perché mi mancava il calcio. Lì ho capito che dovevo continuare, con mia mamma che mi ha detto di andare a giocare perché mi rendeva felice. Io e mia mamma siamo le più sfegatate della famiglia. Quando ero piccola, mio papà e mio fratello stavano a casa mentre io e lei andavamo allo stadio insieme”.

Sul Mondiale Femminile: “L’effetto Mondiale ha cambiato l’opinione pubblica. Ora vedo anche le ragazzine giocare nei parchi e in mezzo alla strada, ma anche durante i nostri allenamenti c’erano tante persone che ci aspettavano e ci riconoscevano. Questo ti fa sentire ancora più un esempio. In quei momenti avere mio fratello al Mondiale è stato importantissimo”.

Sul passaggio alla Juventus: “Ho avuto la possibilità di andare all’estero, in Inghilterra, ma quando mi ha chiamato la Juve non ho più capito niente. Dopo pochi giorni che ho saputo che avrebbe fatto la squadra, mi ha chiamato Rita Guarino dicendomi se volevo andare a giocare con loro. Io la conoscevo, le ho detto fatemi capire. È stata una roba veloce, in qualche giorno è nata la Juventus Women e io ne facevo parte. Non c’è stato un mio dibattito interno, la Juve è la Juve perché è un sogno che si realizza. Cosa significa essere alla Juve? Significa essere un atleta. Abbiamo cambiato la mentalità in questo: ho sempre detto che chiediamo tanto, ma non tutte noi siamo disposte a dare. Io sono sempre stata malata con l’allenamento, sono fissata mi allenerei 24 ore al giorno. Non ho fatto fatica ad adattarmi. Ho avuto due infortuni gravi, quindi io mi presento un’ora prima in palestra per fare gli esercizi”.

Sulla stagione attuale: “Sarà un campionato difficile: la Roma ha fatto un mercato importante, c’è l’Inter, il Milan, la Fiorentina con diverse squadre che si contendono il primo posto. Noi siamo la squadra da battere, per noi è sempre difficile. È la stagione del riscatto per me: quando sono arrivata ho fatto una buona stagione, poi non mi sono potuta ripetere a causa dell’infortunio. Ho sofferto tanto, però ora sono tornata e mi impegnerò per dimostrare che Martina Rosucci è tornata e può ancora dire la sua”.

Altre notizie
Lunedì 13 luglio 2020
06:30 Calciomercato Tutti su Jadon Sancho 03:40 Primo piano RONALDO HA FATTO SALTARE IL BANCO E “QUALCHE FEGATO” 01:45 Altre notizie Graziani: "Se gioca così in Champions League va a casa presto" 01:30 Altre notizie Massimo Pavan: “Anche un pareggio regolare viene visto con sospetto, indecente...” 01:15 Calciomercato Pogba comincia a parlare del rinnovo
01:00 Altre notizie Ferrara: "Il centrocampo della Juventus non mi fa impazzire" 00:45 Calciomercato Lautaro Martinez, dossier in empasse 00:35 Esclusive TJ SOTTOBOSCO - Mani e rigori, uno scandalo solo quando a beneficiarne è la Juve. L'impotenza dei bianconeri, Sarri arrivato con 10 anni di ritardo. La faccia di Agnelli diceva tutto. Giocatori incompatibili con il "maestro" 00:30 Calciomercato La Juventus insiste per Traoré 00:15 Calciomercato Per Allegri il momento delle decisioni 00:12 Il punto Qui Tuttosport - Xavier Jacobelli: "Assalto a Fort Juve: 8 minuti e 4 secondi 'virali', bianconeri in balia dell'Atalanta. Sarri dice il vero e lancia un messaggio. La Champions si avvicina, la capolista deve accelerare e assimilare..." 00:00 Calciomercato Milik, al momento è braccio di ferro
Domenica 12 luglio 2020
23:45 Altre notizie Solo Ronaldo meglio di Lasagna dopo il lockdown 23:30 Altre notizie Bernardini (Il Messaggero): "Lazio? In tanti sul banco degli imputati, clima agitato. Ora bisogna guardarsi alle spalle" 23:15 Altre notizie Ronaldo e Immobile "storici": in gol come Nyers-Nordahl e Angelillo-Altafini 23:00 L'Avversario QUI SASSUOLO - Prima seduta in vista della Juve 22:45 Altre notizie Massimo Pavan: “Lo spirito di Ronaldo per puntare in alto, a chi parla di aiuti...” 22:30 Altre notizie Nicchi: "Arbitraggio Juve-Atalanta all'altezza della situazione. Sui rigori..." 22:17 L'"Intruso" di Massimo Pavan L’INTRUSO - PUNTO CHE È UN PONTE D’ORO VERSO IL TITOLO, MA IL GOLDEN GATE... 22:15 Altre notizie Bertolino: "Conte non si discute, non si può licenziare un manager dal nulla. All?Inter manca un progetto"