Gli eroi in bianconero: Karl Erik PALMÉR

di Stefano Bedeschi
articolo letto 2057 volte
Foto

Esplode nel Legnano, piccola provinciale lombarda assurta agli onori della Serie A negli anni Cinquanta; forma con Eidefjäll-Augustsson e Filippini un buon trio di svedesi, certamente molto inferiore a quello consacrato del Milan, formato da Gren, Nordahl e Liedholm. Palmér è un discreto interno di fantasia, poco supportato dal fisico, ma con buone doti tecniche. Dopo essere sceso in Serie C con la compagine lilla, è acquistato dalla Juventus nell’estate del 1958. Ma il salto è troppo grande e la Juventus è tutta un’altra cosa. La squadra che ha appena conquistato lo scudetto della stella è chiamata all’impresa di fare il bis e deve pure cercare di fare bella figura in Europa, partecipando per la prima volta alla Coppa dei Campioni. Broćić, allenatore filosofo dei bianconeri, lo schiera titolare il 28 settembre 1958 nel comodo turno casalingo contro il Bari, e il ragazzo disputa una buona partita, meritandosi la riconferma. L’occasione arriva nel match di ritorno di Coppa dei Campioni sul campo del Wiener, il mitico Prater di Vienna. La Juventus, che all’andata ha vinto 3-1 con tre goal di Sivori, dà fiducia a Palmér. Una vera catastrofe, per lo svedese e soprattutto per la Juventus, bastonata dagli austriaci per 0-7 ed eliminata dalla coppa.
Vittorio Pozzo, su “Stampa Sera” lancia accuse al tecnico bianconero: «Per consuetudini noi non interferiamo mai direttamente negli affari che riguardano la gestione interna d’una squadra di campionato. Perché siamo stati per troppo lungo tempo dall’altra parte della trincea per non conoscere con precisione cosa vogliano dire in tutti i sensi le interferenze dall’esterno. Ci limitiamo quindi a dire che in questo come in altri casi la formazione della compagina che è stata mandata in campo, conoscendo le condizioni fisiche e morali dei singoli giocatori, noi non l’abbiamo capita. In partenza. Il resto è venuto in seguito. Qualcuno degli uomini immessi nella formazione pareva già destinato al fallimento in precedenza, se si teneva conto dell’atmosfera che regnava attorno all’incontro e se si pensava alle possibilità d’ambiente che la partita presentava o per lo meno che era facile che essa giungesse a presentare. Si trattava di cose prevedibili. I dubbi, della vigilia diventarono conferma al momento del combattimento. Noi ci guardiamo bene dall’asserire che la squadra sia stata mandata allo sbaraglio per l’errata impostazione in cui essa fu composta per entrare in campo. Ma per eguale senso di coscienza noi andremmo molto cauti nell’affermare che la composizione stessa non abbia costituito, se on proprio un elemento determinante, certo una base positiva perché si giungesse a quello che si è verificato».
Broćić sarà esonerato, Palmér non avrà altre opportunità e, a fine stagione ritorna in patria, al Malmö.
«Languido magrolino con pochi peli biondi – dice di lui Camin – ebbe una parte breve ma singolare, surrogando Sivori il contestatore, in un’infelicissima partita a Vienna di Coppa Campioni che costò il posto a Broćić. Attaccante di fulgida tecnica, destinato a sparire tra i marcantoni delle nostre difese che facevano girare al largo i leggerini. Rinone Ferrario, per ischerzo, lo chiamava Bombolo».

 


VISITA IL BLOG DI STEFANO BEDESCHI
Acquista il libro "La Juve di Heriberto" scritto da Stefano Bedeschi
Acquista il libro "Il pallone racconta" scritto da Stefano Bedeschi
Altre notizie
Utilizzo dei Cookie
Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.

CHIUDI