SEZIONI NOTIZIE

Bucchioni: "Situazione Juve allarmante. Crisi atletica e di rigetto del gioco di Sarri. Agnelli non richiamerà mai Allegri, ma c'è l'idea Guardiola"

di Redazione TuttoJuve
Vedi letture
Foto

Il giornalista Enzo Bucchioni ha aperto il suo editoriale settimanale per Tuttomercatoweb con i problemi della Juventus. Ecco le sue considerazioni: "Per la Juventus l’unica cosa positiva è il risultato, con questo pareggio e il Milan senza Ibra, Hernandez e Castillejo squalificati nel ritorno, la finale di coppa Italia è in tasca.

Di tutto il resto però non torna niente, la situazione per i bianconeri ora è decisamente allarmante. Un allarme sempre più rosso a dieci giorni dalla sfida di Champions con il Lione, a due settimane dallo scontro diretto con l’Inter in campionato.

Ieri sera il Milan ha giocato ad alta intensità per tutta la partita, ha creato occasioni, ha segnato con Rebic e anche in dieci ha preso gol solo a tempo scaduto su uno dei tanti rigori inesistenti fischiati quest’anno per fallo di mano in virtù di una regola cambiata e mal interpretata. La regola andrà modificata o qualche braccio andrà amputato: fate voi. In questa occasione però, è indubbio, l’arbitro ha sbagliato anche dopo aver guardato il monitor del Var. Il movimento di Calabria è congruo, Rizzoli in occasioni simili era stato chiaro. Concludendo, forse solo Valeri è stato peggio della Juve. In precedenza, infatti, c’era un rigore su Cuadrado che l’arbitro non ha fischiato e non è andato neppure a riguardare.

Ma tornando alla prestazione dei bianconeri, la Juve è senza gioco e atleticamente svuotata. Sembra senza energie fisiche e mentali, in piena involuzione.

Che succede?

E’ questo l’interrogativo che gira da giorni nelle stanze del palazzo bianconero senza avere risposte. Le sconfitte in campionato con Napoli e Verona, diverse prestazioni incerte, hanno lasciato il segno, ma quello che preoccupa di più è la mancanza di reazione. Non è da Juve. Mai vista una squadra bianconera incapace di tirare fuori il carattere, di vincere partite sporche. Forse la ricerca dei meccanismi sarriani ha fatto perdere l’identità caratteriale a un gruppo fondato sul carattere.

E allora ci chiediamo: siamo davanti a una crisi di rigetto di Sarri, delle sue idee di calcio e dei suoi sistemi di allenamento o si tratta soltanto di una crisi passeggera che potrebbe essere normale nell’arco di una stagione?

Questa è la domanda delle domande che forse Agnelli ha fatto proprio a Sarri nella ormai famosa cena dell’altra sera. Le risposte non ci sono, si aspettano dal campo e se le indicazioni arrivate ieri sera sono giuste, la situazione sta addirittura peggiorando. Non s’è mai visto un gioco fluido, è chiaro che la squadra sta cercando di fare delle cose, gioca di prima, palla avanti e palla indietro, prova il pressing alto, ma non funziona quello che si vorrebbe fare o funziona molto poco. Il ritmo è basso, la convinzione scarsa.

La sensazione è che la squadra non creda in quello che fa e in questo contesto è difficile anche valutare le prestazioni individuali. Non salvo nessuno, forse Dybala, Buffon e Ronaldo per la rovesciata che ha procurato il rigore. Per il resto c’è anche qualche situazione di involuzione come con Matuidi (soprattutto) e Pjanic, equivoci come Ramsey, ritorni indietro come DeLigt. L’unica cosa che può far pensare positivo i dirigenti bianconeri è la situazione del Chelsea di Sarri che un anno fa ha avuto problemi simili, salvo poi ripartire in primavera e andare a vincere l’Europa League.

E’ un problema di preparazione atletica?

Agnelli & C. lo sperano perché gli impegni decisivi sono alle porte.

Che fare?

Ai bianconeri non resta che sperare nel contributo dei senatori che conoscono l’ambiente e del carisma di campioni alla Ronaldo. Ma senza un gioco che funziona anche i campioni fanno fatica e s’è visto.

E’ anche vero che a volte basta poco per uscire da situazioni del genere, ma il momento è arrivato.

Ovvio che nel mirino ci sia Sarri. Anche se Paratici ieri sera ha ribadito la totale fiducia per il presente e per il futuro, se la Juve non tornerà almeno sui livelli dell’autunno e non chiuderà la stagione in crescendo, sarà difficile confermare l’allenatore. Vincere il nono campionato di fila non basterebbe a nessuno, soltanto la Champions vorrebbe dire conferma automatica.

Qualcuno ha ipotizzato il ritorno immediato di Allegri che, come sappiamo, è ancora sotto contratto. Scordatevelo. Vi immaginate Agnelli che torna sulle sue decisioni e ammette il fallimento di un’idea che doveva essere rivoluzionaria e avrebbero dovuto migliorare la Juve? Mai e poi mai. Caso mai, di sicuro si sta tornando a pensare a Guardiola. L’anno scorso vi abbiamo raccontato di un lavoro iniziato più o meno di questi tempi che però non è bastato a portare a Torino l’allenatore del City. Poi fu preso Sarri. Quello che fu negato aspramente allora da molti, oggi viene ammesso e dato per scontato anche dai negazionisti di un anno fa. Tutto torna. E forse arriverà davvero, ora Guardiola che non è più all’apice del suo rapporto con gli inglesi e può liberarsi. L’idea, ovvio, c’è. Sull’evoluzione tutto dipenderà dai risultati, ma la precarietà del futuro di Sarri è evidente e non serve andare a lavorare alle Poste per capirlo. Al di là del campo, del gioco e dei risultati, sta montando proprio l’idea che Sarri non sia in sintonia con la Juventus, il suo mondo e la sua storia. E questa è la cosa più grave…".

Altre notizie
Lunedì 01 giugno 2020
00:45 Calciomercato Kurzawa futuro incertio 00:33 Il punto SOTTOBOSCO - Lo Scudetto assegnato con l'algoritmo di Gravina? Incommentabile. Dopo 124 gare un avvocato potrebbe annullare tutto. Barça, pronto il "pacco" per Pjanic: ma Paratici non ci casca. Intrigo Tonali. Sarri "smonta" la Juve? 00:30 Calciomercato Wanda Nara, che colpo sull'ingaggio 00:15 Calciomercato Telles, duello tra Psg e Chelsea 00:05 Primo piano SE LA JUVE METTESSE LA CLAUSOLA ANTI INTER
00:00 Calciomercato L’Atletico Madrid su Douglas Costa
Domenica 31 maggio 2020
23:45 Altre notizie Bizzotto (Rai): "Bundesliga ormai del Bayern. Ligue 1? Potevano aspettare e pensare anche a chi è in Champions come Lione e Psg" 23:30 Altre notizie Rolando Bianchi: "Icardi ha fatto scelta giusta. Una follia giocare ogni tre giorni di continuo" 23:15 Altre notizie Iezzo: "Cavani con Lukaku all'Inter? Coppia stratosferica, darebbe del filo da torcere agli attaccanti della Juve" 23:00 Altre notizie Valentini: "Algoritmo? Se non fosse possibile disputare play off meglio non assegnare lo Scudetto. Malagò ha ostacolato ripresa calcio. Orari partite? Posizione AIC fa sorridere" 22:45 Altre notizie Ravezzani ricorda Beppe Barletti: "Era semplice, cordiale e curioso" 22:30 Altre notizie Graziani: "Icardi? Contenti tutti" 22:15 Altre notizie L'ex Fenomeno Ronaldo stila la sua Top-5 mondiale e lascia clamorosamente fuori CR7: "Messi numero uno. Poi mi piacciono..." 22:00 Altre notizie Roma, Fonseca: "Scudetto alla Lazio? Non scherziamo..." 21:56 Primo piano Sky - Serie A, indiscrezioni nuovo calendario: Juve in campo alle 21:45 con Bologna, Milan, Atalanta e Lazio 21:51 Altre notizie Balotelli: "Non mi alleno? Non sapevo essere invisibile" 21:45 Altre notizie Sky - Bergomi: "Mi stuzzica Milan-Juve, se c'è una partita dove i bianconeri possono perdere punti..." 21:40 Altre notizie Thuram jr. segna in Bundesliga e si inginocchia per Floyd 21:30 Altre notizie Sky - Marchegiani: "Se il campionato non finisse, lo Scudetto non andrebbe assegnato" 21:29 Altre notizie In diurna 10 gare Serie A su 124, mai a Napoli e Lecce