Bruno Longhi: "La Juve gioca in scioltezza con senza attaccanti titolari. Douglas Costa è un fenomeno"

di Redazione TuttoJuve
articolo letto 29282 volte
Foto

Il giornalista Bruno Longhi ha detto la sua su Bologna-Juve sulle frequenze di Radio Sportiva. Ecco le sue parole:

Sulla gara: "Il malinteso difensivo ha portato avanti la Juve ma la differenza è abissale. I bianconeri giocano in scioltezza e possiamo definirla "B", visto che mancano tutti gli attaccanti titolari".

Su Douglas Costa: "Lui è un fenomeno e se non è titolare nella Juve è perché ha grande concorrenza. Sarebbe un top player in qualsiasi altra squadra di Serie A. Fossi allenatore lo farei giocare sempre"

Su Soriano e Sansone: "Ce li ricordiamo bene, avevano anche conquistato la maglia azzurra. Non sono riusciti a imporsi nella Liga, ma giudicarli stasera contro la Juve è difficile. Sono entrambi validi e potrebbero aiutare il Bologna".

Sul Bologna: "La disponibilità economica di Saputo è acclarata, bisogna vedere quanto vorrà investirci. Bologna è una piazza che merita la Serie A. Mi auguro che possa risalire la corrente".

Su Kean: "Ha poca esperienza in A e deve giocare, quindi la sua maturazione va a rilento. Ha tutte le potenzialità per emergere e bisogna dargliene la possibilità: per dare il meglio deve avere la possibilità di scendere in campo con continuità".


Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy