LIVE TJ - ALLEGRI in conferenza: "Oggi era importante vincere. Dybala va comunque in Nazionale. Pjaca deve raggiungere equilibrio"

di Redazione TuttoJuve
articolo letto 18869 volte
Foto

Massimiliano Allegri risponde alle domande dei giornalisti in conferenza stampa. Tuttojuve.com riprende in tempo reale le sue dichiarazioni: "La sosta arriva al momento  giusto, ma era importante vincere oggi. Quando riprenderemo la prossima settimana inizieremo a lavorare tutti insieme per il mese di aprile che sarà importantissimo. Partita giocata bene sotto l'aspetto fisico nel primo tempo. Nel secondo bisognava essere piu lucidi. Abbiamo preso tre-quattro ripartenze su palla nostra. Nel secondo tempo potevamo fare meglio nella gestione ed essere un pochino più ordinati nella fase difensiva. Un paio di marcature preventive sbagliate, su questo bisogna continuare a lavorare, perchè dall'Udinese abbiamo preso gol su una ripartenza, con il Milan uguale, con il Porto uguale, quindi c'è una situazione che se ti capita una volta va bene, due-tre vuol dire che bisogna lavorarci sopra. Nel primo tempo siamo stati bravi, nel secondo meno".

Dybala e Cuadrado come stanno?
"Dybala ha sentito un fastidio dietro e si è fermato. Cuadrado aveva i polpacci un po' duri e ho preferito toglierlo".

Dybala va comunque in Nazionale?
"Sì, Dybala va comunque in Nazionale".

Qual è la cosa per cui ti sei arrabbiato ferocemente? E non dire che questo è il Pjaca che ancora ti piace...
"Per quanto riguarda Pjaca, purtroppo i ragazzi, come i bambini, bisogna seguirli e farli crescere. E bisogna avere pazienza. Pjaca è un giocatore importante, di grandi qualità tecniche, perchè passa la palla in maniera straordinaria, basta vedere i passaggi che ha fatto nel primo tempo. Però deve crescere perchè è un ragazzo che  - a parte gli infortuni che ha avuto - viene fa un campionato dove l'impegno fisico  tecnico è nullo per un giocatore come lui, è arrivato in un campionato dove c'è fisicità, c'è tattica, c'è l'obbligo e il dovere di vincere e quindi bisogna imparare in fretta. Lui ha tutte le qualità per farlo: deve alzare l'asticella della fatica, in allenamento, deve migliorare. Oggi è stato talmente attento alla fase difensiva che quando c'era da ripartire a volte non ripartiva. Deve raggiungere un equilibrio e lo raggiungerà perchè ha qualità importanti. Le altre cose che mi hanno fatto arrabbiare... una l'uscita di Asamoah che si è staccato e non ha fatto una marcatura giusta in avanti, la seconda è Rugani che avevamo uno in terra noi, e abbiamo consegnato la palla a loro. In quelle situazioni bisogna avere un po' più di malizia che fa parte di una partita di calcio".
 

Ora l'obiettivo è far crescere la squadra tecnicamente? Com si tengono alte le motivazioni? 
"Tecnicamente abbiamo fatto uno dei migliori primi tempi della stagione. Abbiamo Napoli e Atalanta fuori più il derby, da queste quattro gare passa lo scudetto. Insieme a quella di oggi. Oggi abbiamo vinto ed è una vittoria in meno che manca. Roma e Napoli possono arrivare a 92 e 90 punti. Dobbiamo arrivare a 93 punti e per farlo bisogna vincere ancora tante partite".

C'è qualcuno che può fare le veci di Dybala?
"Col doppio mediano è l'unico che può giocare. Gli altri si possono sacrificare, ma quando non c'è Dybala bisogna giocare con un centrocampo a tre"

RIPRODUZIONE CONSENTITA SOLO PREVIA CITAZIONE DELLA FONTE WWW.TUTTOJUVE.COM


Altre notizie
Utilizzo dei Cookie
Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.

CHIUDI