ALLEGRI A MP: "Passo importante era una gara da vincere. La società mi farà sapere per il futuro. Su Dybala e Higuain..."

di Massimo Pavan
articolo letto 26829 volte
Foto

Massimiliano Allegri ha parlato a Premium dopo la vittoria di Marassi contro la Sampdoria. 

Sereno dopo la sfuriata finale: "Tre punti scudetto no, un passo avanti importante, era importante vincere, alla ripresa avremo il Napoli. Questa era una gara da vincere, un bellissimo primo tempo, tra i migliori, poi il secondo tempo abbiamo avuto distrazioni e preso qualche contropiede, bastava essere più ordinati senza rischiare.

Dybala e Higuain? Non gli succede niente, a Higuain, ha corso tanto, Dybala ha sentito indurire il flessore dietro, non dovrebbe essere niente di preoccupante. 

La sua uscita ha cambiato la squadra? Un giocatore che come caratteristiche noi non abbiamo, Pjaca fa fatica, Dybala lui e' bravo,  non volevo rompere l'equilibrio con Pjanic al suo posto.

Primo tempo eccezionale con tante opportunità, anche nel secondo tempo, la Juve cresce: Higuain ha fatto una buona partita, non ha trovato il gol ma sono stati bravi anche coloro che sono entrati, Lemina ha tolto palloni di testa, c'è bisogno di tutti, la squadra ha fatto una buona partita, nel finale si poteva gestire meglio.

Squadra appesantita? Previsto che abbiamo giocato tante partite dopo un primo tempo giocato, così con loro che ti portavano via energie, nel secondo tempo si poteva gestire meglio la palla. 

Allegri furioso? Ce l'avevamo noi la palla, bisognava buttarla fuori, una malizia che qualcuno non ha, dobbiamo stare attenti.

Arrabbiato più con il Carpi? Ci siamo vicini, speriamo porti bene come a Modena. In alcuni momenti non bisogna farli saltare, essere ordinati, non farsi saltare, oggi abbiamo fatto pochi falli, con il Milan abbiamo subito 21 falli e fatti 8, ogni tanto qualche  fallo di contatto serve.

Il Barcellona? Sarà importante, innanzitutto, giocare con loro deve diventare normalità, andare fuori o restare dentro, è normalità, le altre devono rispettarci, dopo Barcellona, Bayern, possiamo andare avanti o uscire fuori, dobbiamo giocarcela in un certo modo, abbiamo prima Napoli e Chievo con la coppa Italia. Io con la società sono in ottimi rapporti, le cose vanno bene, al momento giusto la società mi chiamerà e mi faranno  sapere che cosa hanno bisogno di fare.  

Ai ragazzi che avevi detto? Avevo detto ai ragazzi di non farmi fare tre giorni arrabbiato perché volevo fare tre giorni di tranquillità". 

 


Altre notizie
Utilizzo dei Cookie
Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.

CHIUDI